Foto e incursioni – Sabato 21 febbraio 2015 a  Crevalcore 

In 6 spazi della città,  sette artisti di Associazione CRAC (Rosa Banzi, Antonio Caranti, Gianni Mazzesi, Maria Giovanna Morelli, gli Stradada, Andrea Zaffi) hanno preso simbolicamente possesso di sei luoghi del centro storico coinvolgendo il pubblico. Teatro Onnivoro ha collegato  i luoghi attraverso un’unica performance itinerante ideata da Matteo Cavezzali e interpretata dagli attori Okeke Onyedika Kingsley e Ibrahima Aidara .

Rianimare il centro storico della città di Crevalcore (BO), attraverso installazioni d’arte e interventi di animazione culturale (teatro, performance).  Azioni simboliche per  riorientare l’attenzione della comunità, verso il centro storico dopo il terremoto del 2011. Sistemare alcuni spazi (ridipingendoli o modificandoli) per farli divenire schermo in cui “proiettare” i volti della città, i suoi sogni e i progetti futuribili. – Coinvolgere con opere d’arte, azioni performative e teatrali, sia il luogo fisico sia le persone, per attivare percorsi simbolici attraverso i quali la popolazione possa essere attirata a rimettersi in gioco nel centro storico del proprio paese.

ASSAGGIO DI CIO’ CHE ACCADRà sabato 18 aprile 2015 con la collaborazione e il contributo  dei  ragazzi dell’I.I.S. M.Malpighi  ( per la moda e la meccatronica) di Crevalcore.

PROGETTO PILOTA  a cura di Associazione CRAC- Centro in Romagna Ricerca Arte Contemporanea e Teatro Onnivoro in collaborazione col Comune di Crevalcore, Underground  Studio Progetti e L.UN.A Libera Università delle Arti, primo step del progetto Crevalcore 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *